Iscriviti a mipiacemifabene ;-)

Facebook

giovedì 30 gennaio 2014

Pasta & Fagioli Mipiacemifabene ;-)


... Ebbene si; anche se non si direbbe proprio, di pasta e fagioli si tratta! In questi giorni di dura ripresa bisogna stare attenti e mangiare un po' meno ma senza rinunciare al gusto, allora vi propongo una ricetta classica rivisitata con un pizzico di fantasia. Completo, squisito e sano è il piatto principe dell'alimentazione mediterranea! Madame e monsieur vi presento la mia Pasta & fagioli! :-D























Ingredienti:
200 g di farina di semola di grano duro
100 g circa di acqua calda 
1 pizzico di sale
1 cucchiaino raso di curcuma
500 g di fagioli rossi già cotti 
1 foglia di alloro
1/2 costa di sedano
1/2 cipolla
1 carota piccola
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
la scorza di 1/2 limone (solo la parte gialla)
noce moscata qb
1 spicchio d'aglio
1 cucchiaio di salsa di soia
1 cucchiaino di miso
1 rametto di rosmarino
12 foglie di salvia
olio evo qb
pepe
sale

Procedimento: 
Versa la farina in una ciotola, aggiungi un pizzico di sale, la curcuma e impasta fino ad ottenere un composto liscio e sodo. Copri con pellicola per alimenti e fai riposare in frigorifero per 30 minuti circa. Metti un goccio d'olio in una padella, trita finemente in un mixer il sedano, la cipolla la carota, aggiungi 3 foglie di salvia sminuzzate, un pò di rosmarino, la foglia intera di alloro e fai soffriggere per 10 minuti circa a fuoco basso. Aggiungi il concentrato di pomodoro, i fagioli rossi scolati e fai cuocere per 15 minuti circa. A cottura ultimata aggiungi un goccio di olio, il pepe, la scorza di limone, la noce moscata e mescola bene il tutto schiacciando una parte di composto con la forchetta. Stendi la pasta con un matterello, con l'aiuto di un tagliapasta forma dei cerchi, poni al centro un cucchiaino di fagioli e chiudili.























Trita lo spicchio d'aglio, il rosmarino, la salvia e fai soffriggere molto dolcemente insieme a 2 cucchiai di olio. Aggiungi la salsa di soia, sfumala per un minuto e spegni il fuoco. Butta i tortelloni in acqua bollente leggermente salata e fai cuocere per 5 minuti circa. Conserva l'acqua di cottura e trasferisci la pasta in un piatto con l'aiuto di una ramaiola. Sciogli il miso in 6 cucchiai di acqua di cottura e unisci al condimento. Versa sui tortelloni e spolvera con una generosa macinata di pepe. La pasta e fagioli Mipiacemifabene ;-) Ciao, alla prossima ricetta! Federica :-) www.mipiacemifabene.com Puoi trovarmi anche su facebook Twitter youtube per vedere tutte le mie video ricette e se vuoi puoi unirti alla mia pagina di gradimento facebook :-) Grazie! :-D

Il consiglio:
Non esagerare con l'imbottitura altrimenti i tortelli rischieranno di rompersi. Se avanza un po' di ripieno puoi preparare dei burger o delle polpettine. Mipiacemifabene ;-)

mercoledì 22 gennaio 2014

Pasta Alessandro


Avete presente gli amici che ci sono sempre nella vostra vita? Nel bene e nel male... Quelli che ti fanno sentire fortunata e sono per te un punto di riferimento importante e fondamentale... Gli amici veri non sono mai tanti, si contano in una mano; a volte qualcuno se ne va prematuramente e ti senti amputato; lasciano un vuoto incolmabile ma ce n'è uno speciale che è pronto a soccorrerti... L'amico di cui parlo ha anche dei super poteri perché è comparso, come per magia, al mio matrimonio (segreto), sorprendendomi piacevolmente (e addirittura senza essere stato invitato) :-D ;-) Con lui ho condiviso viaggi, idee, emozioni, balli, il pranzo di Natale e sono sicura che condivideremo tanto altro ancora. Da lui e dalla persona meravigliosa con cui vive, ho capito che i figli possono arrivare in modo inaspettato... Ok ok, se anche voi siete commossi, sappiate che potete assorbire le lacrime con un foglio di carta da cucina perché adesso proprio di quest'ultima parleremo! Le olive che vedete nella foto di oggi, mi sono state generosamente regalate da Alessandro al quale ho deciso di dedicare questa semplice ricetta :-) Tra i tanti pregi infatti, il mio prezioso amico, ha anche il pollice verde ed è riuscito a coltivare olive biologiche sul suo terrazzo vista grattacielo nel cuore di Rimini! Per adesso si è limitato a conservare i frutti raccolti in salamoia ma, con le sue capacità, non mi stupirei se tra poco cominciasse a produrre olio extra vergine di altissima qualità :-) Buonissime, sapide e aromatiche, hanno trasferito tutti i loro umori a questo piatto di pasta, rendendolo gustoso, sano e unico :-) Ecco cosa serve per prepararlo...























Ingredienti:
300 g di conchiglie integrali
3 spicchi d'aglio
peperoncino qb
1 cucchiaio di semi di finocchio Terra Nuova 
1 cucchiaio di salsa di soia
1 cavolo romano
4 cucchiai di olive in salamoia
la scorza di 1/2 limone
sale marino integrale qb
olio evo qb
pepe qb

Procedimento:
Taglia le cime del cavolo romano e lavale accuratamente. Trita l'aglio e mettilo a soffriggere in un bel goccio di olio insieme un pizzico di peperoncino. Quando sarà leggermente dorato eliminalo con l'aiuto di una ramaiola e aggiungi i semi di finocchio (se preferisci li puoi ridurre in polvere in un macinino o in un pestello), la salsa di soia, le olive e il cavolo. Mescola e unisci mezzo bicchiere d'acqua e un pizzico di sale marino integrale. Copri con un coperchio e fai stufare per 15 minuti circa. A cottura ultimata frulla una piccolissima parte di cavoli. Cuoci la pasta al dente in abbondante acqua bollente leggermente salata. Conserva un po' di acqua di cottura e scola. Unisci la pasta al condimento, mescola e aggiungi qualche cucchiaio di acqua di cottura (se occorre), una macinata di pepe e la scorza di limone. Buonissima! La Pasta Alessandro Mipiacemifabene ;-) Ciao, alla prossima ricetta! Federica :-) www.mipiacemifabene.com Puoi trovarmi anche su facebook Twitter youtube per vedere tutte le mie video ricette e se vuoi puoi unirti alla mia pagina di gradimento facebook :-) Grazie! :-D

martedì 21 gennaio 2014

Tarallucci e Crackers al Vino


Buongiorno! Oggi ho pensato di proporvi una ricetta sfiziosa e ricca di gusto; un classico per l'aperitivo. Tarallucci e vino sono un'accoppiata perfetta ma se aggiungi anche i crackers diventano un trio irresistibile! Questi snack sani, impreziositi dal vino rosso Già sono ottimi per un aperitivo sano e gustoso o come spezza fame di metà pomeriggio. I semi di finocchio abbinati al vino stanno benissimo e il risultato è davvero sorprendente. Ecco quello che serve per prepararli...






















Ingredienti:
100 g di pasta madre rinfrescata la sera prima
150 g di vino rosso Già
2 cucchiai colmi di semi di finocchio Nuova Terra
5 cucchiai di olio evo
1 cucchiaino di sale marino integrale
300/350 g di farina semi integrale

Procedimento:
Sciogli la pasta madre con il vino, il sale, l'olio e mescola bene. Unisci la farina setacciata, metà dei semi di finocchio e impasta fino ad ottenere una consistenza elastica e liscia. Dividi l'impasto a metà e prendine una parte. Fai dei serpentelli di pasta e forma i tarallucci abbastanza sottili. Per fare in modo che siano tutti più o meno della stessa dimensione usa il tuo dito indice come unità di misura. Riponili su una placca da forno spennellata con un po' di olio. Prendi l'altra parte di impasto e riponilo su un foglio di carta da forno leggermente infarinato. Stendi una sfoglia molto sottile, aggiungi i semi di finocchio restanti e fissali bene col matterello. Con l'aiuto di un tagliapasta forma dei crackers. Elimina la sfoglia in eccesso. Riponi in forno spento e fai di lievitare il tutto per 2 ore circa. Riscalda il forno a 180° e inforna i taralli per 30 minuti circa. Successivamente cuoci i crackers sempre a 180° per 20 minuti circa. Spegni il forno e metti i taralli nuovamente a tostarsi in modo tale che si asciughino bene finché il forno sarà completamente freddo. Servili accompagnati da un calice di vino :-) Sono ottimi e si conservano per parecchi giorni in vasetti di vetro. Una ricetta che Mipiacemifabene ;-) Alla prossima! Federica :-) www.mipiacemifabene.com Puoi trovarmi anche su facebook Twitter youtube per vedere tutte le mie video ricette e se vuoi puoi unirti alla mia pagina di gradimento facebook :-) Grazie! :-D

Considerazioni:
Vi ho parlato del vino Già nella ricetta del mio "Divino Paté" ma riassumerei il tutto dicendovi che i vini Già sono un'eccellenza nel loro genere, infatti rientrano nel progetto Vino Libero che prevede un severo disciplinare per la realizzazione di vini senza concimi chimici, diserbanti e troppi solfiti aggiunti e ad un tenore alcolico più basso del solito, molto fresco e piacevole; buonissimo! 
Se vuoi maggiori informazioni sul vino rosso Già clicca qui




















Se vuoi maggiori informazioni sui prodotti Nuova Terra clicca qui






giovedì 16 gennaio 2014

Giovedì gnocchi... Di miglio!


Finalmente è arrivato giovedì; giorno della settimana che preannuncia il weekend! La mia nonna diceva sempre; "giovedì gnocchi"! Quindi oggi ho pensato di proporvi questa ricetta anche se la mia non rispetta proprio alla lettera quella della nonna… Gli gnocchi classici, mangiati saltuariamente, vanno benissimo e sono molto buoni, ma dovete sapere che le patate sono estremamente glicemiche mentre il miglio si può mangiare più spesso e aiuta a prevenire il diabete :-) Molto versatile e dal fascino antico, il miglio, essendo ricco di amidi e lecitina è un perfetto addensante e  si presta come base per crocchette, polpette, burger vegetali, ed è perfetto per gli gnocchi! Otterremo una consistenza più tosta ma molto interessante. Ecco cosa serve per prepararli...























Ingredienti:
250 g di miglio Terra Nuova
500 g di acqua 
sale marino integrale
1 grossa cipolla
la scorza di un limone
1 cucchiaino raso di noce moscata

Ingredienti per la salsa di pomodoro:
1 carota 
1 costa di sedano
1 cipolla
1 spicchio d'aglio
500 g di passata rustica di pomodoro
1 bicchiere scarso d'acqua
1 cucchiaino di basilico secco
1/2 cucchiaino di curcuma 
sale marino integrale
2 cucchiai di olio evo  

Procedimento:
Trita finemente la cipolla trasferiscila nella pentola a pressione insieme al miglio lavato e scolato. Unisci l'acqua e una presa di sale marino integrale. Copri col coperchio, quando andrà in pressione abbassa al minimo e fai cuocere per 30 minuti. Quando il vapore sarà completamente uscito apri pentola, aggiungi la scorza di limone grattugiata, la noce moscata e regola eventualmente di sale. Mescola il tutto e attendi che si intiepidisca. Tieni una ciotola di acqua di fianco a te e con le mani umide comincia a formare delle palline della grandezza di piccole noci, pressando leggermente ma senza esagerare. Riponi gli gnocchi su un vassoio di cartone o su un foglio di carta da forno. Prepara il sugo procedendo in questo modo; metti in un cutter la carota, il sedano, la cipolla, l'aglio e trita finemente il tutto. Versa le verdure in una pentola insieme ai due cucchiai di olio e fai soffriggere dolcemente. Unisci la salsa di pomodoro, l'acqua, il basilico secco, la curcuma, un pizzico di sale, chiudi con coperchio e fai cuocere per 30/40 minuti. A cottura ultimata trasferisci la salsa bollente in una ciotola, unisci gli gnocchi e mescola dolcemente facendo attenzione a non romperli. Aggiungi un goccio d'olio, una macinata di pepe e servi ben caldi. Squisiti e sani! In altre parole Mipiacemifabene ;-) Ciao, alla prossima ricetta! Federica :-) www.mipiacemifabene.com Puoi trovarmi anche su facebook Twitter youtube per vedere tutte le mie video ricette e se vuoi puoi unirti alla mia pagina di gradimento facebook :-) Grazie! :-D

Considerazioni:
Gli gnocchi di miglio, una volta preparati, non vanno cotti nuovamente. Il mio consiglio è quello di unirli alla salsa di pomodoro bollente in modo che si scaldino ma non si disfino. Non avendo leganti sono fragili e vanno mescolati con delicatezza. Se non hai particolare dimestichezza con questi ingredienti ti consiglio di aggiungere una patata tagliata a rondelle sottili in modo che si leghi all'impasto e renda il miglio ancora più compatto. È possibile preparare gli gnocchi anche il giorno prima visto che la preparazione richiede un po' di tempo! Quando preparo gli gnocchi di miglio io faccio il doppio della dose consigliata in questa ricetta, in modo tale da averli per due giorni. Il miglio non contiene glutine quindi è perfetto per i celiaci, inoltre contiene ferro, magnesio, fosforo e silicio. Ricco di vitamine del gruppo A e B è anche un ottimo prodotto di bellezza, infatti contribuisce a dare lucentezza e forza a unghie, capelli e alla pelle. E' molto digeribile e aiuta a contrastare l'acidità di stomaco. E' un ricostituente naturale e aiuta a combattere la stanchezza. Il miglio Mipiacemifabene ;-)

lunedì 13 gennaio 2014

Pane con grano saraceno


Oggi vi propongo questo pane rustico davvero squisito! Come sapete il grano saraceno non contiene glutine perché non fa parte delle graminacee, tuttavia questo pane in cassetta non è glutenfree. Infatti è preparato con una miscela di farine di farro e grano, ma il grano saraceno è il grande protagonista perché è presente in chicchi e conferisce un aspetto rustico e una croccantezza che lo rende irresistibile! La particolarità è che questo non/cereale viene impastato a crudo insieme a tutti gli ingredienti e la lunga lievitazione lo ammorbidisce e fa si che in cottura, tostandosi, sprigioni tutti i suoi umori dando il meglio di sé! Tempo fa un'azienda toscana che si chiama Terra Nuova mi ha invitata a testare i suoi prodotti. Gli alimenti che distribuisce sono cereali, legumi, semi oleosi e zuppe che sono alla base dell'alimentazione mediterranea. Se fate un giro sul sito vi renderete conto anche della varietà di prodotti davvero notevole! Io li ho trovati molto buoni e mi sento di consigliarveli. Quando ho deciso di cominciare questa avventura e aprire il blog, temevo che un giorno avrei esaurito le idee... Invece, ancora oggi, mi accorgo che, con questi ingredienti naturali, le combinazioni sono davvero infinite e si può dare vita a tanti piatti, da quelli della tradizione ad altri più creativi! Ma torniamo alla nostra ricetta :-) Ecco cosa serve per preparare il mio pane con grano saraceno...























Ingredienti:
200 g di pasta madre rinfrescata 
300 g di acqua 
1 cucchiaino di sale 
1 cucchiaino di malto
20 g di olio extravergine di oliva 
150 g di grano saraceno crudo Nuova Terra
400 g di farina semi integrale
200 g di farina di farro integrale 

Procedimento:
Sciogli la pasta madre in acqua di fonte, unisci di sale, il malto, l'olio, il grano saraceno lavato e scolato E mescola bene il tutto. Aggiungi le farine setacciate e pre miscelate, impasta fino ad ottenere un composto abbastanza morbido. Versa in una forma da pane leggermente oliata, forma dei tagli in diagonale sulla superficie, Aggiungi un po' di grano saraceno e copri con pellicola per alimenti. Fai riposare il pane tutta la notte in modo tale che il grano saraceno si reidrati e diventi morbido. Dopo circa 8 ore cuoci in forno preriscaldato a 200° per 50 minuti circa. E cottura ultimata elimina lo stampo e fai raffreddare su una grata sospesa cos' otterrete una crosta croccante e morbidezza all'interno... Il pane al grano saraceno Mipiacemifabene ;-) Ciao, alla prossima ricetta! Federica :-) www.mipiacemifabene.com Puoi trovarmi anche su facebook Twitter youtube per vedere tutte le mie video ricette e se vuoi puoi unirti alla mia pagina di gradimento facebook :-) Grazie! :-D

Considerazioni:
Il pane con la pasta madre si conserva bene e a lungo in un sacchetto di carta anche per una settimana! Preferite sempre farine integrali o semintegrali perché contengono un indice glicemico più basso e conferiscono ai vostri prodotti da forno un sapore più rustico e sincero. Mipiacemifabene ;-)

mercoledì 8 gennaio 2014

GREEN REPORTS Intervista al Sana di Bologna


Buongiorno! Come va con le diete del dopo festa? Io ci sto provando ma subisco troppe sollecitazioni guardando le vostre e le mie foto... Ma cercherò di tenere duro ancora un po' ;-) Oggi mi sono resa conto di non avere mai condiviso questo video con voi ma rimedio subito :-) Ecco il servizio di Green Report con l'intervista che mi hanno fatto in occasione del SANA di Bologna :-D




Ciao, alla prossima ricetta! Federica :-) www.mipiacemifabene.com Puoi trovarmi anche su facebook Twitter youtube per vedere tutte le mie video ricette e se vuoi puoi unirti alla mia pagina di gradimento facebook :-) Grazie! :-D

martedì 7 gennaio 2014

Cardi gratinati alle nocciole


Chi mi segue anche su Facebook sa bene che la dieta per me è un concetto astratto :-D In questi giorni sto cercando di mangiare un po' meno ma con il blog, le foto da elaborare e ricette da collaudare è facile cadere in tentazione ed io, (solo) quando si parla di cibo, sono facilmente corruttibile... Dopo queste feste però un po' di dieta è d'obbligo! Io sono fortunata perché amo tutte le verdure, da quelle dolci a quelle più amare quindi più che una dieta vera e propria cercherò di consumarne più del solito così mi mi aiuteranno a sentirmi più sazia. Qualche giorno fa, presa da una fame smodata, ho avuto il coraggio di mangiare il cardo crudo... Effettivamente fibroso e amaro; sarà stato il vuoto nello stomaco ma mi è sembrato inaspettatamente buono! Se mi è piaciuto crudo, provate ad immaginare la mia reazione quando l'ho mangiato gratinato con pane e nocciole... OMG! (intendo dire "oh my God", da non confondersi con OGM; organismi geneticamente modificati ;-) :-D)... Squisito! Il mio contorno preferito in questa stagione; ve lo consiglio caldamente :-) Ecco cosa serve per prepararlo...























Ingredienti:

1 cardo
aceto di mele qb 
4 cucchiai di pane integrale grattugiato
2 cucchiai di granella di nocciole tostate
1 cucchiaino raso di rosmarino secco
1 macinata di pepe
1 pizzico di sale 
1 spicchio d'aglio
salsa di soia qb
olio evo qb

Procedimento:

Elimina le estremità laterali dei cardi e i filamenti più fibrosi, riduci le coste in piccoli pezzi e mettili a bagno in acqua e aceto per evitare che anneriscano. Lavali bene, risciacquali sotto l'acqua corrente e mettili a cuocere in pentola a pressione con un dito d'acqua e una presa di sale marino integrale. Cuoci 12 minuti dal momento del soffio. Scolali bene e trasferiscili in una teglia. Trita finemente l'aglio, il rosmarino, uniscili al pane grattugiato insieme alle nocciole, un po' di sale, pepe, mescola bene il tutto e spolvera sui cardi. Aggiungi un bel goccio d'olio, qualche goccia di salsa di soia e inforna a 200 gradi. Posiziona la teglia nella parte alta e cuoci per 20 minuti circa. Un modo speciale per gustare questa ottima verdura di stagione, ottimo si caldo sia a temperatura ambiente. Una ricetta che Mipiacemifabene ;-) Ciao, alla prossima! Federica :-) www.mipiacemifabene.com Puoi trovarmi anche su facebook Twitter youtube per vedere tutte le mie video ricette e se vuoi puoi unirti alla mia pagina di gradimento facebook :-) Grazie! :-D

Il consiglio:

Il cardo è ricco di magnesio, acido folico e potassio. Contiene molte fibre e pochissime calorie per questo è indicato nelle diete, inoltre è un potente antiossidante, disintossicante e aiuta a depurare l'organismo. Il cardo Mipiacemifabene ;-)

venerdì 3 gennaio 2014

© DiVino Paté


Buon anno a tutte/i voi! L'anno che si è appena concluso mi ha riservato tante belle novità :-) Ho trovato nuove amiche e amici come voi, che mi avete seguita con affetto dandomi l'opportunità di crescere e migliorare. Nel 2013 ho anche ricevuto la nomination come Miglior rivelazione Foodblogger ai Macchianera Food Awards (!!!) grazie al vostro sostegno e sono piena di orgoglio e di gratitudine! Spero che il 2014 sia un anno sereno, ricco di belle novità e di salute per tutte voi (e anche per me) :-) Mi piacerebbe che fosse l'anno del cambiamento e di un'evoluzione consapevole... Non vorrei vedere più pellicce, sprechi, e tutto quel cake design... Sarebbe bello se questo nuovo anno fosse all'insegna della semplicità, del rispetto, di una migliore qualità e dei buoni sentimenti; io cercherò anche di portare avanti questi propositi nel modo che mi riesce più congeniale. Cucinare con ingredienti biologici, 100% vegetali, possibilmente a chilometro zero e con amore è la mia piccola rivoluzione :-) Durante queste feste ho cucinato ogni giorno anche quando ero invitata a cena  per dare sempre un mio piccolo contributo e un assaggio di quello che preparo con tanto impegno a più persone possibile per trasmettere il messaggio che mangiare bene e in modo sano è possibile! A capodanno sono stata invitata da una cara amica insieme ad altre persone, la classica cena porterella. Io mi sono occupata degli antipasti e del dessert. Ho preparato delle salse da accompagnare a crostini di pane integrale tostato e delle tartellette al budino di cioccolato e nocciole... Buonissime! Per l'antipasto del cenone non poteva mancare il mio paté! E' squisito, a base di ceci e impreziosito dal Già Vino, un'eccellenza nel suo genere, Già rientra nel progetto Vino Libero che prevede un severo disciplinare per la realizzazione di vini senza concimi chimici, diserbanti e troppi solfiti aggiunti e ad un tenore alcolico più basso del solito, molto fresco e piacevole; buonissimo! Ecco una foto che lo ritrae ;-) Questa ricetta è davvero ottima e non ha nulla da invidiare ai paté francesi! Provatelo e fatemi sapere cosa ne pensate :-) Ho deciso di farmi una vera e propria scorta per affrontare il lungo inverno e per avere sempre a disposizione qualcosa di pronto in dispensa da offrire agli amici, anche all'ultimo minuto oppure come presente :-) A proposito di regali... Ho pensato di creare per voi un'etichetta personalizzata per il © DiVino Paté Mipiacemifabene ;-) Durante le feste il paté si è fatto bello, dentro e fuori! Spero vi piaccia :-) Dopo avere realizzato la ricetta, seguendo tutti i passaggi, potrete applicare le etichette sui vasetti :-D Se vi va potete inviarmi sulla mia pagina di gradimento le foto della vostra dispensa, ne sarei davvero felice :-D Ma adesso passiamo ai fatti :-)  Ecco tutti gli ingredienti che servono per prepararlo...



Ingredienti:
500 g di ceci secchi bio
1 pezzetto di alga kombu
1/2 litro di Già Vino bianco
5 cucchiai di olio evo
3 spicchi d'aglio
1 cipolla
1 grossa carota
1/2 costa di sedano
1 cucchiaio colmo di farina
1 foglia di alloro 
3 cucchiai di salsa di soia
1 cucchiaino raso di curcuma
1 cucchiaino di curry dolce
2 cucchiaini di semi di finocchio macinati Nuova Terra
1 cucchiaino di paprika dolce
2 cucchiaini di origano secco
1 cucchiaino di agar agar in polvere
1/2 limone spremuto
1 generosa macinata di pepe
sale qb

Procedimento:

Dopo avere tenuto a bagno i ceci per una notte, cuocili in pentola a pressione ben coperti con acqua, una presa di sale marino integrale e l'alga kombu per 1 ora dal momento del soffio. Accendi il forno a 110 gradi, quando sarà arrivato a temperatura riponi dei vasetti piccoli con i rispettivi coperchi (questi ultimi nuovi) e sterilizzali. Toglili dal forno prendendoli con una pinza e mettili a testa in giù su un canovaccio pulito. Prendi una pentola capiente dal fondo spesso, versa l'olio e mettila su fuoco basso. Trita l'aglio, la cipolla, la carota, il sedano versali al suo interno. Unisci l'alloro, la farina e fai soffriggere dolcemente per 5 minuti circa mescolando. Aggiungi il vino bianco Già, i ceci scolati, la salsa di soia, la curcuma, il curry, i semi di finocchio macinati finemente, la paprika, l'origano, e fai bollire il tutto per 20 minuti circa mescolando di tanto in tanto. Unisci l'agar agar e fai cuocere altri 5 minuti, unisci il succo di limone, il pepe e regola di sale. Frulla con un frullatore ad immersione fino ad ottenere un composto liscio e vellutato. Trasferisci subito nei vasetti facendo attenzione a non sporcare i bordi. Avvita i tappi e sterilizza in una caldaia facendoli bollire ben ricoperti d'acqua per 35 minuti. Spegni il fuoco e attendi che si raffreddino poi asciugali delicatamente e mettili in una dispensa al buio e lontani da fonti di calore. Io ho preparato il mio paté a capodanno e mi accompagnerà per tutto l'inverno. Ottimo da servire come antipasto, all'ora dell'aperitivo e un perfetto cadeau per i vostri amici :-) Il DiVino Paté Mipiacemifabene ;-) Ciao, alla prossima ricetta! Federica :-) www.mipiacemifabene.com Puoi trovarmi anche su facebook Twitter youtube per vedere tutte le mie video ricette e se vuoi puoi unirti alla mia pagina di gradimento facebook :-) Grazie! :-D

Ecco l'etichetta per il © DiVino Paté che Mipiacemifabene

potete stamparla e applicarla sui vostri barattoli dopo averli sterilizzati :-) 













Se vuoi maggiori informazioni sul vino Già clicca qua :-)