Iscriviti a mipiacemifabene ;-)

Facebook

martedì 3 dicembre 2019

Cappelletti - Cappelletti Veg








Della serie; la nuova tradizione che mipiacemifabene... Oggi cappelletti! Un pò come mi ha insegnato mia nonna, un pò adattati a me, ai miei gusti e alle mie esigenze. La pasta in brodo fatta in casa è poesia soprattutto nella stagione autunnale e invernale, ricetta apparentemente impegnativa ma non complessa anche per i pochi ingredienti che ho impiegato. Trovate i dettagli nel video in basso a sinistra ma vi lascio la ricetta completa qua sotto.

Ingredienti per la pasta
300 g di farina di semola di grano duro
1 pizzico di sale marino integrale
1 pizzico di curcuma
150 g circa di acqua

Ingredienti per il ripieno
300 g di ceci cotti e scolati
1 cipolla rossa tritata
2 cucchiai di olio evo
la scorza grattugiata di 1 limone bio
Noce moscata qb
Sale marino integrale qb
Pepe qb
Ingrediente opzionale 1 cucchiaio di yogurt greco

+ Brodo vegetale qb

Il procedimento nel VIDEO

Vi ricordo che se volete mi potete seguire su:

FACEBOOK 

INSTAGRAM 

YOUTUBE

Questo è il mio LIBRO appena uscito si intitola PIATTO SANO QUOTIDIANO edito da Macro

Il mio primo libro PIÙ RICETTE SANE MENO RICETTE MEDICHE edito da Macro.

Vi ringrazio e vi do appuntamento alla prossima ricetta che... #mipiacemifabene ;-)

mercoledì 27 novembre 2019

Piatto sano quotidiano - "Réclame" - VIDEO



Finalmente la "réclame" del mio nuovo libro!
Vi lascio il testo della quarta di copertina, alcune foto e naturalmente il VIDEO.
BUONA VISIONE !

Dopo il successo del Best Seller “Più ricette sane, meno ricette mediche”, la healthy food blogger Federica Gif, padrona di casa del pluripremiato blog http://www.mipiacemifabene.com/ presenta… “Piatto sano quotidiano” La nuova tradizione che Mipiacemifabene ;-) edito da Macro.
Più di 80 ricette gustose, salutari, sostenibili e a basso costo per rispondere alla domanda: cosa mangio oggi? Idee per colazione, pranzo e cena adatte a tutti i giorni della settimana e alle occasioni speciali. Piatti sani quotidiani all’insegna della semplicità, preparati con ingredienti prevalentemente vegetali e non industrialmente raffinati. Il cibo di un tempo associato alle odierne scoperte scientifiche, per una nuova e più consapevole tradizione.
Nell’introduzione il supporto scientifico di:
Elena Dogliotti
Biologa Nutrizionista e Supervisore Scientifico per
Fondazione Umberto Veronesi 
Fernanda Lisa Scala
Biologa Nutrizionista blog non chiamatela dieta

Disponibile in tutte le librerie e sul web.
Acquista subito!   

Video a cura di Thinkers Company ©

FOTO GALLERY





























venerdì 22 novembre 2019

Gnocchi alla zucca - Vegan healthy pumpkin gnocchi




Oggi vi lascio una ricetta tipicamente autunnale; gnocchi di zucca conditi con salsa di anacardi ed erbe aromatiche... Una bontà! Che tra l'altro fa anche bene. Cosa volere di più?! Che ne dite di una sorpresa? Vi dico solo una cosa "Piatto sano quotidiano" è in arrivo con una bella novità! Lo scoprirete sui miei canali :-) #mipiacemifabene ;-)
YOUTUBE MIPIACEMIFABENETV
FACEBOOK 
INSTAGRAM 

mercoledì 13 novembre 2019

Biscottini rustici con mandorle e albicocche senza zucchero - NOVITÀ !






Buongiorno :-D Oggi festeggio insieme a voi per questa bellissima notizia! Il mio "secondogenito" Piatto Sano Quotidiano edito da Macro, c'è! Ancora non si vede ma dal 18 novembre 2019 sarà disponibile anche il libreria! Mi sento felice, quasi incredula; dopo tanto lavoro... Un sogno che diventa realtà. Vista l'importante occasione, vi lascio un doppio regalo; in primis la ricetta di questi biscottini con mandorle e albicocche, come sempre senza zucchero, inoltre cliccando su Piatto Sano Quotidiano potrete ricevere gratuitamente l'estratto del libro e preordinarlo. In attesa di altre belle novità, vi lascio alla ricetta e vi auguro buona giornata! #mipiacemifabene ;-) 

Ingredienti
300 g di farina tipo 2
20 g di farina di riso integrale
30 g di farina fine di cocco
50 g di mandorle con la buccia macinate a farina
60 g di albicocche tritate
1 cucchiaio di semi di lino macinati 
1 cucchiaino raso di bicarbonato
1 pizzico di sale marino integrale
1 pizzico di vaniglia naturale
70 g di olio di girasole bio alto oleico
180 g di latte di riso integrale
80 g di datteri al naturale
Mandorle qb

Procedimento
Miscela le farine, unisci le mandorle macinate, i semi di lino, il bicarbonato, il sale, la vaniglia, le albicocche tritate e mescola. A parte frulla i datteri insieme al latte di riso e all’olio. Mescola con un cucchiaio poi con le mani, gli ingredienti secchi con quelli liquidi. Forma dei bastoncini di pasta, più o meno dello stesso spessore per garantire una cottura omogenea e disponili su una teglia foderata con carta da forno possibilmente biodegradabile. Cuoci in forno a 190° per 25 minuti circa, in modalità statico. Lascia raffreddare bene su una griglia areata in modo da fare perdere ai biscotti buona parte dell’umidita. Potrai in seguito conservarli in dispensa all’interno di un vaso di vetro, per 5 giorni circa. Una ricetta che mipiacemifabene ;-) Un bacione e alla prossima! 


martedì 5 novembre 2019

Perché non sono vegana - Torta di mele all'acqua, vegan e senza zucchero




Buongiorno, oggi 5 novembre, quinto giorno del mese vegano in cui tante persone nel mondo, per vari motivi, si propongono di escludere dalla propria alimentazione ingredienti di origine animale, compresi uova, formaggi e miele. Nonostante io non sia vegana ne vegetariana, visto che occasionalmente mangio pesce, mi sentirei di consigliare a tutti di provare a seguire una dieta vegetale temporanea, magari iniziando da un giorno a settimana poi per qualche giorno consecutivo, infatti si è portati a pensare che la dieta vegana possa essere limitante, invece si scopre una varietà di cibo e ingredienti ai quali potere attingere e si aprono nuove possibilità e originali combinazioni. Attenzione però, la dieta vegana non è necessariamente più sana di altre! Si può essere vegani e mangiare cibo spazzatura, dalle bibite zuccherate agli alcolici, passando per i grassi idrogenati... Io faccio naturalmente riferimento a alimenti non industrialmente raffinati come i legumi, la frutta fresca o secca, la verdura di stagione e i cereali integrali. Penso però che ogni tipo di alimentazione che richieda integrazione (in questo caso è chiamata in causa la vitamina B12) abbia dei limiti. Una dieta vegan friendly sana è possibile, più facile quando si mangia a casa, un piccolo scoglio invece si pone quando si sceglie di andare al ristorante, infatti in alcuni posti, sono poche le proposte dedicate alla categoria, spesso noiose e un pò scontate, ad eccezione dei ristoranti specializzati o inclusivi; nei miei viaggi all'estero ne ho trovati alcuni di alto livello a costo basso, se non altro ragionevole, ultimamente i miei preferiti li ho scovati a Lisbona, in Francia e a Berlino. Vi chiedete perché io non sia vegana ma proponga ricette plant based? La risposta è articolata e vi elenco di seguito alcune motivazioni.
• Nonostante consumi pesce occasionalmente non amo cucinarlo, preferisco rapportarmi con altri ingredienti, limito comunque il consumo di pesce, cerco inoltre di orientarmi su quello sostenibile e di piccola taglia ma non in modo categorico. In genere lo preferisco cucinato da mani esperte, non necessariamente da uno chef; i pescatori sanno bene come prepararlo senza nessuna copertura, cibo ideale per me se pescato, preparato e consumato vicino al mare, nei luoghi dove sono nata e cresciuta. 
• Per il resto, non ho l'abitudine di acquistare formaggi che limito a quando esco con gli amici, quando sono invitata e ogni tanto sulla pizza, adoro la mozzarella che mi portano i parenti campani! 
• Mangio uova raramente, orientandomi possibilmente su quelle del contadino o biologiche da galline allevate a terra. A me le uova piacciono sode, punto. Non le utilizzo per fare frittate, pasta, torte o biscotti, anche perché in famiglia c'è chi non le tollera ed evito le contaminazioni.
• Importante dichiararvi anche che a me la cucina vegetale piace tanto! Non la vivo come una privazione o un ripiego e trovo personalmente che adottarla nella quotidianità sia la scelta migliore. 
• L'ecosostenibilità; è un tema che mi sta molto a cuore e privilegiando un certo tipo di alimentazione vegetale, si impatta meno sull'ambiente. Dico "un certo tipo di alimentazione" perché anche in questo caso, si può essere vegani mangiando solo cibo confezionato, imballato con materiali inquinanti come la plastica (pensa al tofu o burger vegetali si fanno strada nei frigo dei supermercati) e poi si può mangiare magari ogni giorno seitan e vi assicuro che se provate a farlo in casa vi renderete conto di quanto possa essere poco sostenibile vista la quantità di acqua che viene utilizzata nel risciacquo dell'amido. Si può fare ricorso inoltre a bevande contenute in bottiglie di plastica, consumare verdura e frutta proveniente da paesi lontanissimi che attraversano il mondo che bruciano carburante... La dieta vegetale è sostenibile se si fonda su materia prima semplice, direi basica come legumi, cereali integrali, frutta e verdura di stagione a km zero nel limite del possibile, l'alimentazione vegetale per me, dovrebbe essere semplice non troppo elaborata o raffinata industrialmente, etica e attenta al benessere solo degli animali ma anche degli esseri umani e del pianeta.
• Ma la cosa fondamentale che tengo molto a sottolineare, è che per concepire le mie ricette seguo le Linee Guida dell'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità). Un'equipe selezionata di medici, ha stilato il Codice Europeo Contro il Cancro e visto che mangiare è una cosa che facciamo tutti i giorni, per me consigliare ricette buone a 360° è una responsabilità. La scienza infatti non è un ideale e prescinde dai gusti e dall'etica personali. Per questo trovo utile ricordarvi che al punto 5 delle Linee Guida, è riportata la seguente dicitura: 

Segui una dieta sana.
Consuma molti e vari cereali integrali, legumi, frutta e verdura.
Limita i cibi ad elevato contenuto calorico (alimenti ricchi di zuccheri o grassi) ed evita le bevande zuccherate.
Evita le carni conservate; limita il consumo di carni rosse e di alimenti ad elevato contenuto di sale. 

Come vedete, il consiglio è quello quindi di seguire una dieta prevalentemente vegetale ma non esclusivamente. Poi ci sono le scelte etiche e quelle non si discutono, le rispetto, anche se posso dire a chi non la pensa come me, che avvicinarsi a un'alimentazione principalmente vegetale può fare scaturire profonde riflessioni sul senso del cibo nella nostra società, dagli sprechi agli allevamenti intensivi e condurti ad un'alimentazione più corretta. Per me un onnivoro consapevole e attento a certe tematiche, è a suo modo etico, non solo chi rinuncia a tutto il cibo di origine animale. 

Ecco perché oggi vi lascio, a grande richiesta, la ricetta della mia torta di mele; senza latte, uova o burro ma anche senza zucchero. Molto più di una torta vegan perché seppure lo zucchero sia assolutamente vegano, non è un ingrediente sano e anche perché a mio avviso lo zucchero copre i sapori autentici di ingredienti già naturalmente dolci. Senza zucchero mipiacemifabene ;-) Io ho detto tutto o quasi... Manca ancora la ricetta!

Ingredienti
400 g di farina tipo 1
1 bustina di lievito a base di cremortartaro
1/2 cucchiaino di bicarbonato
1 pizzico di vaniglia
1 pizzico di curcuma
150 g di uvetta
La scorza di 1 limone bio
Il succo di 1/2 limone
80 g di olio di girasole bio altoleico
430 g di acqua
500 g di mele sbucciate a fettine

Procedimento
Miscela la farina setacciata con il lievito, il bicarbonato, la vaniglia e la curcuma, l'uvetta, la scorza di limone e miscela il tutto. A parte combina l'olio di girasole con, il succo di limone, l'acqua e unisci agli ingredienti secchi. Forma una pastella e trasferisci in una tortiera foderata con carta da forno (possibilmente compostabile) e disponi le fettine di mela facendole sprofondare. Cuoci a 200° per 1 ora circa senza mai aprire il forno e fai la prova stecchino per verificare la cottura. Lascia raffreddare prima di servire e ricorda che la torta il giorno successivo sarà ancora più buona! Il mio consiglio? Una generosa spolverata di cannella o un pizzichino di vaniglia Bourbon per esaltare il sapore, un buon tè caldo al bergamotto da sorseggiare tra un morso e l'altro.
Io spero che questa ricetta vi piaccia e vi sia utile, se è così condividetela e continuate a seguirmi, vi ricordo inoltre che potete trovarmi anche su FACEBOOK su INSTAGRAM e su YOUTUBE.
Se vi piacciono il libri di cucina questa è la mia opera prima "Più ricette sane meno ricette mediche" edito da Macro
Il secondogenito "Piatto sano quotidiano" Macro edizioni è in arrivo! Aggiornamenti sul blog e sui miei Social :-D Mipiacemifabene ;-)
Grazie e alla prossima!
Federica

giovedì 3 ottobre 2019

Healthy Burrito - Piada Arcobaleno


La piada farcita oltre ad essere gustosa può essere anche sana. Scegli una farina non raffinata e possibilmente biologica e macinata a pietra, aggiungi un buon olio extravergine d'oliva o di girasole bio, spremuti a freddo, acqua e un pizzico di sale. Se vuoi, cliccando qui troverai la ricetta con video tutorial. Ho farcito con hummus di ceci e verdure di stagione; nell'orto ho raccolto gli ultimi pomodorini, qualche zucchina superstite che ho grigliato, ho aggiunto dell'insalata, carote a Julienne e fettine di funghetti freschi ma il consiglio è sempre quello di variare assecondando il periodo corrente. Arrotola la piada e successivamente avvolgi in un foglio di carta da forno. Un pasto completo, un'ottima schiscetta da portare in ufficio e un'idea stuzzicante per l'aperitivo. Una ricetta sana, gustosa, low cost, ecosostenibile che #mipiacemifabene ;-)
Una curiosità: La piada arcobaleno la portai a La Prova del Cuoco su Rai 1...Una tremolante Federica Gif affiancata dalla meravigliosa Antonella Clerici. Alla fine l'assaggiò e mi fece i complimenti :-) Adorabile. 
Se vi va, potete seguirmi su 
INSTAGRAM - FACEBOOK - YOUTUBE 
Questo il mio primo libro "Più ricette sane meno ricette mediche" Macro editore
Il secondo "Piatto sano quotidiano" Macro è in arrivo! 
Vi lascio al video, grazie e buona visione! 

VIDEO RICETTA

lunedì 16 settembre 2019

La mia esperienza al ristorante Joia di Pietro Leemann






“Buongiorno Chef”! La mia voce suona bassa e un pò tremolante, la mia mano è più calda e umida del solito e mi imbarazza porgerla a Pietro Leemann, di fronte a lui avverto una giustificata soggezione, non perché ti faccia pesare il fatto che sia l’unico chef stellato di un ristorante vegetariano in Italia ma perché per lui nutro tanta stima e rispetto, vorrei chiedergli almeno 100 cose in una manciata di minuti ma sono in soggezione, mi confondo e ho paura di fare uscire parole scomposte, in senso disordinato, di essere indiscreta e poi chissà che idea si farebbe di me e allora scelgo la strada del silenzio o quasi… Già arrivata di corsa, un pò spettinata con mezz’ora di anticipo, con l’aria di una che si sente comunque in ritardo. So di lui che è uno preciso, cioè lo ipotizzo ma no, la mia è quasi una certezza, è sicuramente uno che pesa e calibra ogni cosa, ingredienti compresi. In realtà faccio tutto da sola perché lui ha modi gentili e si rivolge a me con umiltà (quanto mi piace questa virtù), tanta umiltà che mi disarma nel momento in cui gli regalo il mio primo libro e mi chiede di firmarglielo… Gli dico: “no la prego, scrivo malissimo, il libro è bello… Lo deturperei”! (Penso alla mia firma fatta con la stessa mano tremolante di prima). Insiste e allora abbozzo una firma che somiglia più al tracciato dell’elettrocardiogramma e mi ricorda quella illeggibile del mio pediatra, con quelle prescrizioni che mi sono sempre chiesta se il farmacista avesse un traduttore o qualcosa di simile che gli impedisse di sbagliare farmaco. Ad ogni modo, alla fine ce l’ho fatta, gliel’ho firmato il libro e mi sono sentita ancora più imbarazzata di quando ho firmato il libro a Gualtiero Marchesi, un fare diverso, lui più scaltro e disinvolto ma lo stesso gesto incoraggiante che ti fa capire di essere di fronte a grandi personalità. Il mio pallore innato, non fa trasparire il rossore che in parte si nasconde dietro a un velo di blush rosa sulle guance. Lui mi parla e mi guarda negli occhi, io vedo in trasparenza una lontana timidezza, forse risalente a qualche primavera fa, che oggi si è evoluta e trasformata in pacatezza o forse più in generale, in esperienza e consapevolezza. Lui mi ha capita, lo so, l’ho letto nei suoi occhi. Almeno lo spero, perché credo di avere detto poco e di sicuro non tutto quello che avrei voluto, non ho azzardato, sono rimasta curiosa ma uscita con una certezza; la cucina di Leemann è un’esperienza che vi dovete concedere almeno una volta. Ma no, almeno 2 o 3 perché non avete a che fare con la rassicurante e inconfondibile pasta e fagioli della mamma; vi troverete piuttosto di fronte a piatti nuovi, concepiti dalla mente di un artista della cucina, proverete sapori e profumi inediti, i suoi piatti resteranno velati e vi andrà di saperne di più. Ah l’alta cucina… Non so se potrei praticarla sempre, io sono più legata a quella rurale, della terra, del mare, della nonna… Nei piatti del Joia di Milano, ti puoi immergere in un’esperienza profonda e capisci che in quello che mangi c’è un grande sapere, c’è la filosofia, la religione, lo studio di un ex ragazzo e il consolidamento delle nozioni acquisite di uomo maturo che ha fatto un percorso personale e lo condivide in questo modo. Un cibo colto, derivato da materie prime nobili ma semplici, liberate in parte dalla loro grettezza ma ancora autentiche, cibo che racconta una storia articolata e variegata, fatta di viaggi e di incontri come il suo omaggio al grande Gualtiero Marchesi con il quale ha lavorato, strizza l’occhio alla nouvelle cuisine ma senza spocchia, vola in Oriente e torna in Italia con un elogio alla mediterraneità. Che dire? La cucina del maestro non è quella di tutti i giorni ma è quella che vi augurerei. Sono certa che anche Leemann, quando si spoglia della casacca da chef, apprezzi gli spaghetti al pomodoro o un piatto cucinato da mani di comuni mortali purché preparato con cura, amore e rispetto. In fondo anche lui sarà stato svezzato a creme di riso e pastina e avrà una memoria genetica non troppo dissimile dalla mia, sono io che l’ho collocato nell’Olimpo degli chef, lui non si è mai messo su un piedistallo anche se per parlargli devo rivolgere gli occhi al cielo. 



Ho adorato questo azzardato piatto che gioca a creare illusioni, potrebbe anche abbagliare il carnivoro più praticante… Un concerto di aromi che insieme creano una melodia, sapore di tostato conferito dalla frutta secca una nota croccante. Non mi manca niente. Lo ammetto; non è stato amore a prima vista ma è scattata la passione nel momento in cui ho riconosciuto il mio frutto preferito dell’estate. La mano dello chef alla fine non ha stravolto un ingrediente ma ha saputo ricreare primitive suggestioni, concependo un piatto originale da rivoluzionario non violento. Caro Leemann, per me avevi già vinto all’antipasto, poi sono seguite le melanzane marinate servite in un guazzetto estivo di erbe, fiori e battuto di porcini; piatto composto così bene da sembrare un giardino inglese e ancora il risotto che sembra alla parmigiana invece è mantecato con pomodori e la loro assenza, in presenza di finferli e riso selvaggio soffiato, accompagnato da una mousse di anacardi e peperoni, nata per dare un accento al piatto ma buona anche così, spalmata con un gesto semplice e antico, sul pane… Aperta parentesi “pane”, un raro ristorante che mette a tavola un pane vero, fatto in casa col lievito madre e vere farine, non ho sentito la manitoba e a quel punto lo avrei abbracciato. 







Leemann a modo suo è un personaggio, proprio per il fatto che non vuole sembrare tale, toni troppo pacati per la tv e dire che sarebbe interessante vederlo all’azione  e trasformare i suoi ingredienti semplici e vegetali, in capolavori. Prima avevo nozioni teoriche della tua cucina, adesso il tuo cibo ha preso forma e mi sembra di conoscerti. Grazie Pietro. Il ristorante “Joia” mipiacemifabene ;-) e mi sento di consigliarvelo. Se avete già fatto la mia esperienza, lasciatemi le vostre impressioni nei commenti. Io spero che questo post vi sia stato utile e sia di vostro interesse. Grazie per essere passate/i e alla prossima. Federica






Ristorante Joia
Via Panfilo Castaldi, 18, 20124 Milano 

Mi trovate anche su 
INSTAGRAM
FACEBOOK
e YOUTUBE
il mio primo libro "Più ricette sane meno ricette mediche" Macro
Il mio secondo libro uscirà in autunno "Piatto sano quotidiano" Macro
GRAZIE :-)